Home arrow Forum

Il messagglio di Elia (parte II)

Notizie, curiosità, aggiornamenti, indiscrezioni, su tutto ciò che accade nella nostra provincia

Moderatori: archimede, Evaluna, acid

Regole del forum
Notizie, curiosità, aggiornamenti, indiscrezioni, su tutto ciò che accade nella nostra provincia

Si raccomanda di leggere e rispettare il regolamento ufficiale del forum

Il messagglio di Elia (parte II)

Messaggiodi michelangelo il 24 set 2010 22:42

(Parte II)
E' andata al santuario della Madonna delle lacrime ed ha parlato con tre sacerdoti della inutilità di quell'opera grandiosa per un immagine che non va idolatrata, e di come gli uomini costruendo le chiese sui templi greci - vedi la cattedrale di Siracusa - rinnovano ancora oggi i riti pagani sostituendo i santi agli antichi dei .
Ma che coraggio hai avuto - le dissi - ad andare dai preti.
Cosa speravi di ottenere?
Mi rispose, sempre sorridendo, che due preti l'avevano trattata male, mentre il terzo, il più anziano, le aveva dato l'assoluzione.
La bestemmia deve finire - ci disse una volta - è il più grave atto di inciviltà e la più grande offesa a Dio.
E poi, perché proprio a Dio rivolgete la bestemmia e mai, per esempio, al Papa? Si vede che il Papa riesce a proteggersi meglio.
Ho scritto molto di questa donna e ancora per cento volte potrei scrivere.
Ma è del lato più delicato e sconcertante che dovrei ora parlare e non so da dove cominciare.
Il suo vero nome è tedesco, con due o tre cognomi e non lo ricordo.
Ci disse di essere stata ribattezzata ELIA, perché è la reincarnazione del Profeta Elia.
A questo punto leggere di lei senza conoscerla, o conoscerla senza capirla, o quanto meno, senza porsi con disponibilità, in uno stato magari di apparente accondiscendenza per il rispetto delle altrui credenze, tutto suonerebbe falso e colorerebbe di tinte oscure o sovvertirebbe in negativo l'immagine che ci si è fatta o che si è voluta dare di questa donna.
Purtroppo questo accade, è accaduto ed è umano.
Ho parlato a molti di Elia, in ultimo anche per constatare le reazioni delle persone, quasi come un test.
E i giudizi, perché la gente giudica sempre, sono stati quasi tutti negativi. Nessuno ha giustificato il suo modo di vivere.
Neppure quelle persone che credevo più aperte e più vicine al mio mondo.
L'insegnante l'ha condannata per il male che sta facendo al figlio che non manda a scuola.
Come se la "scuola di oggi" potesse dare a Le Ander tutto quanto ha ricevuto dalla madre, dalla natura e dalle esperienze vissute.
La donna "impegnata" l'ha condannata perché non lavora e sfrutta il prossimo per vivere.
Per altri o è una irresponsabile, pazza, o è una gran furba, o ... peggio ancora.
Questi sono i giudizi che scaturiscono da un mondo dove il DIO DENARO, indispensabile, insostituibile, scorre più del sangue nelle vene, ed è quindi fonte e necessità di vita.
Elia sensitiva, Elia veggente, Elia Profeta poi, è tutta una favola per bambini, uno specchietto per le allodole, una maschera per truffare gli ingenui e i creduloni come noi - io e Nunzio -.
Elia ha avuto delle visioni a Siracusa.
Tristi presagi di una immane catastrofe per un forte terremoto.
Cosi come vide la Calabria devastata, il Papa Giuliani che veniva avvelenato ed il suo successore ferito.
Per questi ne chiese i motivi ed il Signore rispose: II cobra ingoia la vespa - si riferisce al veleno che c'è materialmente in vaticano - e del feritore disse: Io non cammino con gli assassini.
Elia dice di parlare con il Signore e Questi le indica la via.
Le abbiamo chiesto chi fosse questo Signore, uno Spirito evoluto, se lo vede, se parta con altri Spiriti.
Ci ha risposto che non fa spiritismo, che non sa niente di parapsicologia e rifiuta categoricamente tutto ciò che è occulto e magico. Il Signore è il Signore - dice poi, candidamente. Dio.
Lo riconosce molto bene da tante visioni che prima la ingannavano per metterla alla prova.
Lei ora non sbaglia mai perché il Signore guida i suoi passi e le sue scelte.
Le abbiamo fatto leggere qualche passo del "Rapporto K".
Ha detto poco.
Ha visto i fogli colorarsi di azzurro.
Vi sono cose giuste e molto interessanti - ha detto - e che questo K è lungo (a noi sembra il massimo della sinteticità) per esprimere dei concetti che invece sono semplici e per i quali il Signore adopererebbe poche parole.
Lei vede i colori sul volto dette persone, ma sono indicazioni solo per lei, se deve fidarsi o meno.
L'azzurro è il colore della verità, il verde della menzogna.
Ha una capacità eccezionale, e l'abbiamo messa alla prova.
In pochi secondi ha sottolineato una trentina di parole da due pagine, che estrapolate e messe insieme ci hanno dato non solo il concetto essenziale del discorso, ma un'altro messaggio nel messaggio.
Ci ha raccontato tantissimi episodi, incredibili, inaccettabili, persino contradditori, che io volutamente non voglio riferire, compresi quelli che la portarono, per libera scelta, ad abbandonare il lavoro e continuare il pellegrinaggio per il mondo non come missionaria - ci tiene a precisare - ma per fare, dice lei, la volontà del Signore.
Elia voleva parlare alta radio e abbiamo registrato una intervista per una radio locale che non abbiamo ritenuto di trasmettere.
Ecco alcuni stralci dove parla delle sue visioni e dei messaggi :
"...la Sicilia è la terra dei rimpianti...
il rosa sbiadito è il suo colore...
e sulle case e sulle strade in rovina...
è sempre stata una colonia, ora dei milanesi e degli americani...
sulle sue rovine crescerà l'ortica...
Ho visto una bara, una croce e le lancette di un orologio...
e dentro la chiesa una clessidra...
il Signore ha detto al Papa il 31 maggio 1980, prima dell'incontro con i Padri della Chiesa Ortodossa: " pulisci la mia casa e tienila pulita."
E dopo: "Non farò risorgere nemmeno voi".
E ha dato dello scomunicato al Papa...
Poi il Signore ha detto: "la pioggia cade pesante, il tuono scoppia, i lampi sono esplosivi, il veleno tu respiri, però vai in giro in cerca di sigarette.
Chi di noi due e pazzo?"
Ci sarà un terremoto, un grande tremore della terra e il globo si rovescerà.
Il grande disastro sarà il monito che salverà l'umanità dalla
guerra atomica e dalla distruzione totale... ...E ora sappiate che io sono ELIA, il messaggero di Dio.
Per favore leggete Malachia.
Prima della venuta del Signore verrà Elia, per portare il
cuore dei figli al Padre ed il cuore del Padre ai figli.
Come puoi conoscere il volere del Cielo?
Come puoi scoprire il celato?
Lo spargersi di un cuore?
Come puoi?
E il volere del Cielo si è avverato, l'invisibile accade, il prodigio è nato. Ascoltate il messaggio del Signore:
Io sono la stella raggiante tra le nuvole del mattino.
Vieni a me con le tue sofferenze.
Vieni. Il sole splenderà e non pioverà più.
Tu sarai felice e Io sarò fiero.
Io sono il sollievo.
Io sono la fonte di un'acqua inesauribile fresca e zampillante.
Vieni, per favore vieni.
Parliamo dentro la nuvola.
Mi hai visto mai?
Sai chi sono IO?
Per favore credimi.
Credimi figlio mio.
Figlio della stella del mattino, figlio delle nuvole, figlio per sempre, gridalo forte.
Io sono il tuo Signore.
Mi hai creduto mai?
Per favore credimi adesso.
Io sono il vostro Signore e questo è lo stile mio.
Credetemi figli miei.
IO VERRO' DA VOI.
Aspettate un solo momento."

Elia è partita per Malta. Prima di partire ci disse che non dovevamo essere preoccupati per lei - era felice e serena più che mai - che sarebbe tornata presto, che avrebbe sentito la nostra mancanza e che eravamo "tanto deliziosi".
E' stata cinque giorni con noi, in grande comunione, conquistando anche le nostre mogli.
A mente serena scrissi questi appunti più per me che per il “ Rapporto” nel quale ho deciso di inserire questo incontro, e non mi chiedo più chi è questa donna, da dove viene, dove andrà, ma cosa ha rappresentato per noi?
Cosa ci ha lasciato?
Anche se “qualcuno” ha detto : "Stolto colui che pensa che l'esperienza possa essere frutto di lezione impartita da chi l'esperienza l'ha già fatta o da chi precorse i tempi...", oggi possiamo ben dire di aver ricevuto da ELIA una grande lezione d’umiltà.

***
Sono trascorsi trent'anni e non l'ho né rivista né sentita.
L'ho solo ascoltata e basta.
Scriverei ancora le stesse cose, ma come si può raccogliere un frutto da un germoglio mal seminato?
Scrivo ben sapendo che la verità ... è sempre oltre
michelangelo
Clandestino
Clandestino
 
Messaggi: 83
Iscritto il: 24 feb 2008
Località: Siracusa

Torna a Accade a Siracusa...

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti

cron
Partner
Rodante Bricolegno

Rodante Bricolegno
Chi e' online
Abbiamo un visitatore online

Siracusaweb Chat
Nessun utente in chat

Siracusaweb Forum
Abbiamo 131 visitatori nel forum
Bacheca saluti
Ultime dal Forum
  bacheca saluti pubblicato da c2v il 21-11-2019
  E\' finita la ricreazione? pubblicato da c2v il 01-11-2019
  Scricciolo\'s Personal Topic pubblicato da c2v il 20-06-2019
  Siracusa città: Parchi e zone di verde attrezzate pubblicato da Sabatino il 29-10-2018
  p pubblicato da c2v il 21-10-2018