Home arrow Forum

Oriana Fallaci:grande donna!

Angolo della letteratura dedicato ai "divoratori" di libri, amanti di poesie, composizioni e altre forme d'arte e cultura

Moderatori: archimede, Evaluna, acid

Regole del forum
Angolo della letteratura dedicato ai "divoratori" di libri, amanti di poesie, composizioni e altre forme d'arte e cultura

Si raccomanda di leggere e rispettare il regolamento ufficiale del forum

Oriana Fallaci:grande donna!

Messaggiodi masvemi il 15 set 2006 08:54

Firenze, 15 set. (Adnkronos) - E' morta Oriana Fallaci. La scrittrice e giornalista italiana si è spenta questa notte in un ospedale di Firenze. Aveva 77 anni e da anni soffriva di un male incurabile. I familiari hanno già fatto sapere che la volontà della scrittrice giornalista era di avere esequie in forma strettamente privata, e che loro intendono rispettare questo suo desiderio.
Oriana Fallaci nasce a Firenze il 29 luglio 1929. Giornalista e scrittrice, diventa famosa a livello internazionale per le sue interviste ai potenti del mondo e i suoi reportage, specie di guerra. Negli ultimi anni la sua attenzione critica verso l'Islam contemporaneo ha destato interessi e reazioni contrapposte, comprese denunce alla magistratura, in Italia e all'estero.
Nella sua ultima invettiva, lo scorso 30 maggio 2006, la scrittrice ha attaccato un po' tutti. Romano Prodi e Silvio Berlusconi, liquidati come ''due fottuti idioti''; gli immigranti messicani che manifestano con le bandiere del proprio paese (''mi disgustano''); per il presidente venezuelano Ugo Chavez (''mamma mia''); per Federico Fellini, di cui non ricorda l'intervista ma che non le piace; per l'olio di oliva fatto in New Jersey.
Ma il suo obiettivo principale erano ancora una volta, come ha fatto negli ultimi cinque anni, gli islamici: che non sopporta in generale, perché ''non credo che esista un Islam buono e uno cattivo'' e più in particolare perché non vorrebbe vedere mai la moschea che dovrebbe sorgere a Colle Val d'Elsa: ''E' vicino casa mia, prendo l'esplosivo e la faccio saltare''.
In questo caso a far parlare Oriana Fallaci, attraverso due colloqui diretti, delle email e soprattutto raccontando nei dettagli la vita di chi ''per due decenni è stata una delle più pungenti intervistatrici del mondo'', è stato il ''New Yorker'', uno dei più prestigiosi settimanali americani.
masvemi
Capitano di Fregata
Capitano di Fregata
 
Messaggi: 2242
Iscritto il: 15 feb 2006
Località: SIRACUSA

Messaggiodi blanche il 15 set 2006 09:34

Non sò che dire....
mi è dispiaciuto tantissimo apprendere la notizia.

Anche se non condividevo tutte le sue idee, l'ammiravo molto sia come giornalista, ma soprattutto come donna.
Ultima modifica di blanche su 22 set 2007 20:52, modificato 1 volte in totale.
Avatar utente
blanche
Capitano di Fregata
Capitano di Fregata
 
Messaggi: 4004
Iscritto il: 03 lug 2006
Località: Siracusa

Messaggiodi masvemi il 15 set 2006 10:20

Ecco alcuni commenti di altri media

AFFARI ITALIANI
IL PRIMO QUOTIDIANO ONLINE


E' morta Oriana Fallaci
Venerdí 15.09.2006 08:09
Oriana Fallaci è morta. La scrittrice e giornalista si è spenta la notte scorsa in un ospedale di Firenze. Aveva 77 anni. Da molti anni lottava contro il cancro da lei definito L'Alieno. La scrittrice era ricoverata già da qualche giorno in un ospedale fiorentino dove, secondo sue precise disposizioni, la degenza è avvenuta nel più stretto riserbo. Le esequie della Fallaci, per sua espressa volontà, si svolgeranno in forma strettamente privata. Lo hanno reso noto i familiari.
Molte le polemiche e i dibattiti sollevati dai i suoi libri e articoli pubblicati dopo gli attentati dell'11 settembre, in "difesa della cultura occidentale", una posizione di netta contrapposizione al fondamentalismo islamico. Per tutta la vita aveva espresso opinioni anticlericali, ma negli ultimi anni si è avvicinata al cattolicesimo, fino a dichiarare pubblicamente la sua ammirazione verso Benedetto XVI. Il 27 agosto del 2005 il Papa l'ha ricevuta a Castel Gandolfo in udienza privata. Nel marzo dello scorso anno, Libero aveva lanciato una raccolta di firme per chiedere al Presidente della Repubblica di conferire alla Fallaci il titolo di senatore a vita. L'appello era stato sottoscritto da oltre 75.000 persone.


RaiNews24

Cultura. E' morta la giornalista e scrittrice Oriana Fallaci
Da anni ormai aveva scelto di non apparire più in pubblico. Aveva deciso di essere presente solo attraverso la sua scrittura, i suoi articoli, i suoi libri. E ogni volta le sue parole provocavano un piccolo terremoto: discussioni, polemiche, consensi, violente critiche.Negli ultimi anni aveva fatto sentire la sua voce in difesa dell’Occidente contro l’avanzare dell’integralismo islamico. Quindi il suo sostegno alla guerra al terrorismo voluta dal presidente degli Stati Uniti George Bush. Ma anche articoli per difendere la “sua” Firenze da quella immigrazione clandestina che non le piaceva.Oriana Fallaci ha scelto proprio il capoluogo toscano per andarsene. Aveva 77 anni. Il suo era un male incurabile.
La biografia
Nata a Firenze il 24 luglio 1929, ha iniziato giovanissima la sua carriera giornalistica. Da subito seguì la sua passione per la scrittura come inviata di guerra: per L'Europeo fu in Vietnam, poi nella guerra Indo-Pakistana, in Sud America, in Medio Oriente.
Il suo interesse per i temi internazionali l’hanno portata ad intervistare i protagonisti della politica mondiale. Tra gli altri, l'Ayatollah Ali Khomeini, Henry Kissinger, il generale Giap, Golda Meir, Yasser Arafat, re Hussein di Giordania, Indira Gandhi, Alì Bhutto, Pietro Nenni, Giulio Andreotti, Giorgio Amendola, l'arcivescovo Makarios e Alekos Panagulis. Da questi incontri nacque uno dei suoi libri più famosi: Intervista con la storia, del 1974.
E’ dell’anno dopo, 1975, Lettera ad un bambino mai nato. Un libro nato dal dramma della perdita di un bimbo.

Non è l’unico testo frutto di esperienze personali: Un uomo, del 1979, è dedicato Alekos Panagulis, eroe della lotta contro la dittatura di destra dei colonnelli in Grecia.

Gli attentati dell’11 settembre furono per lei una scossa. La Fallaci da tempo aveva deciso di vivere a Manhattan, a New York. Quegli eventi che hanno cambiato la storia recente, la portarono a scrivere lunghi articoli contro l’integralismo islamico e il terrorismo. Questi pezzi furono la base del libro La rabbia e l'orgoglio, pubblicato proprio nel 2001.
A distanza di tre anni, arrivò poi La forza della ragione.
L’ultimo suo libro ha il sapore quasi di un testamento: nel 2004 pubblica, Oriana Fallaci intervista Oriana Fallaci.


RADIO VATICANA
La voce del papa e della chiesa in dialogo col mondo.
(15 settembre 2006 - RV) Lutto nel mondo della cultura. La scrittrice Oriana Fallaci è morta a Firenze. Nata nel capoluogo toscano il 29 giugno 1929, è stata giornalista e scrittrice profonda e attenta alle questioni internazionali e sociali di rilievo nel corso degli ultimi decenni. Era stata colpita da tempo da un male incurabile.
masvemi
Capitano di Fregata
Capitano di Fregata
 
Messaggi: 2242
Iscritto il: 15 feb 2006
Località: SIRACUSA

Messaggiodi masvemi il 15 set 2006 10:24

blanche ha scritto:.....Anche se non condividevo tutte le sue idee, l'ammiravo molto sia come giornalista, ma soprattutto come donna.

Si Blanche ti capisco...la Fallaci aveva molti nemici e non tutti condivdevano le sue idee. Sono d'accordo con te, anch'io in molte cose non mi ritrovavo, ma apprezzo alcuni suoi capolavori straordinari come...Lettera ad un bambino mai nato e Un Uomo....che ho letto a 15 anni e che mi colpì moltissimo.
masvemi
Capitano di Fregata
Capitano di Fregata
 
Messaggi: 2242
Iscritto il: 15 feb 2006
Località: SIRACUSA

Messaggiodi Fistadantilus il 15 set 2006 10:42

Una grande perdita nel campo della cultura e della storia, anche se non tutti condividevano il suo punto di vista.
Fistadantilus
Avatar utente
Fistadantilus
Capitano di Corvetta
Capitano di Corvetta
 
Messaggi: 1277
Iscritto il: 19 feb 2006

Messaggiodi Evaluna il 15 set 2006 17:29

Donna di grande cultura e fermezza di carattere che ha saputo cavalcare con destrezza la cronaca e il costume mondiale per la quasi totalità della sua esistenza.
Celebre la sua "resistenza"ai precetti a lei imposti per poter intervistare l'Ayatollah Komeini che pur vedendo in lei un irrispettoso pericolo per la sua figura e per l'islam, le regalò forse l'unica vera e fragorosa risata della sua vita.
Grande personaggio da commemorare con rispetto a discapito delle dichiarazioni degli ultimi tempi che sicuramente, io non condivido !!!
Avatar utente
Evaluna
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 5532
Iscritto il: 19 lug 2006
Località: Siracusa

Messaggiodi Bodyguard il 15 set 2006 19:37

Grande giornalista fin dal suo esordio come inviata di guerra in Vietnam dove si fece notare per il suo coraggio nel documentare in prima linea la realtà di quella sporca e sanguinosa guerra. In quell'occasione si meritò il rispetto dei soldati statunitensi, soprattutto, quando strinse a se un ragazzo ormai morente sfidando le pallottole dei vietcong.
Per quanto molti suoi pensieri siano opinabili, la Fallaci ha rivoluzionato il mondo del giornalismo e per questo resterà immortale.
Avatar utente
Bodyguard
Guardiamarina
Guardiamarina
 
Messaggi: 505
Iscritto il: 14 ago 2006
Località: Siracusa

Messaggiodi acid il 16 set 2006 10:40

Volevo ricordarla con delle sue frasi che mi hanno molto colpito:

"Vi sono momenti, nella Vita, in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo. Un dovere civile, una sfida morale, un imperativo categorico al quale non ci si può sottrarre" (Oriana Fallaci, La rabbia e l'orgoglio)

"Ho sempre amato la vita. chi ama la vita non riesce mai ad adeguarsi, subire, farsi comandare. Chi ama la vita è sempre con il fucile alla finestra per difendere la vita...un essere umano che si adegua, che subisce, che si fa comandare non è un esseere umano...(ORIANA FALLACI 1979)
Avatar utente
acid
Supervisore
Supervisore
 
Messaggi: 7275
Iscritto il: 14 apr 2006
Località: SIRACUSA

Messaggiodi Alfeo il 09 ott 2006 23:01

Riporto da un'altro forum il mio intervento su Oriana Fallaci, la più grande scrittrice e provocatrice contemporanea ITALIANA. Una grande personalità occidentale. Mi è piaciuto come è stata riportata la notizia da tgcom.it E' un pò lungo, ma lo merita.

_____________________ ______________________ ______________

Viene a mancare una figura importante nel mondo del giornalismo serio, della cronaca sensa se e senza ma, dello spirito battagliero contro i poteri sporchi. Viene a mancare un punto di riferimento per chi ama andare a fondo in ogni situazione.

se volete un breve resoconto sulla vita della più grande giornalista italiana del mondo leggete quanto segue:

da tgcom.it

Chi era Oriana Fallaci
Vita della più nota scrittrice italiana
A Firenze era nata, il 29 giugno 1929, e a Firenze ha voluto morire, 77 anni dopo. Avrebbe potuto restare negli Stati Uniti, dove da anni risiedeva. Ma, per il suo ultimo respiro ha scelto di tornare a casa. Per le sue ultime ore ha voluto un ospedale che si affaccia sull'Arno. Nel più stretto riserbo, rigorosamente dettato dal suo inflessibile carattere che ne ha fatto la scrittrice italiana più nota nel mondo.

«Vi sono momenti, nella Vita, in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo. Un dovere civile, una sfida morale, un imperativo categorico al quale non ci si può sottrarre» (Oriana Fallaci, La rabbia e l'orgoglio)


Durante la seconda guerra mondiale si unì al movimento clandestino della Resistenza Giustizia e Libertà vivendo in prima persona i drammi della guerra: nel corso dell'occupazione di Firenze da parte dei nazisti, il padre Edoardo fu catturato e torturato, ed in seguito rilasciato. Per il suo attivismo durante la guerra ha ricevuto un riconoscimento d'onore dall'Esercito Italiano.

Oriana Fallaci iniziò giovanissima la carriera giornalistica, come inviata speciale ed in seguito come corrispondente di guerra per L'Europeo: dal 1967 in Vietnam, poi nella guerra Indo-Pakistana, in Sud America, in Medio Oriente. Il 2 ottobre 1968, durante una manifestazione di protesta contro i Giochi Olimpici a Città del Messico, rimase ferita negli scontri tra manifestanti e polizia in Piazza delle Tre Culture. Creduta morta, fu portata in obitorio e solo in quel momento un prete si accorse che respirava ancora.
Da reporter di guerra seguì alcuni tra i più importanti conflitti del secolo scorso, dal Vietnam al Medio Oriente.

Poi, alla avventurosa fase delle corrispondenze di guerra fece seguito la lunga serie di interviste agli uomini e alle donne più potenti della terra: Nguyen Cao Ky, Yasser Arafat, Mohammad Reza Pahlavi, Henry Kissinger, Walter Cronkite, Indira Gandhi, Golda Meir, Nguyen Van Thieu, Zulfikar Ali Bhutto, Willy Brandt, l'Ayatollah Khomeini, e Muammar Gheddafi.

Sono poi numerosi i suoi interventi come opinionista sui fatti principali della cronaca e dei temi contemporanei più rilevanti. Nel novero delle testate per le quali ha collaborato troviamo: New Republic, New York Times Magazine, Life, Le Nouvelle Observateur, The Washington Post, Look, Der Stern, e Corriere della Sera.

Consegnandole la laurea ad honorem in letteratura, il rettore del Columbia College di Chicago la definì uno degli autori più letti ed amati del mondo.

Nell’ultima parte della sua vita, Fallaci si trasferì a New York, nell'Upper East Side di Manhattan e si dedicò prevalentemente all'attività di scrittrice. Ciò mentre, per molti anni lottava contro il cancro che lei definiva "L'Alieno" e che ha finito per sopraffarla.

Le battaglie
Dopo l’11 settembre si è dedicata, con libri e articoli, con la passione che l’ha sempre contraddistinta a difendere la cultura occidentale in netta contrapposizione al fondamentalismo islamico. E ciò non senza suscitare grosse polemiche (c’è chi ha parlato di uno scontro adialettico e "violento") ma anche grandi segni di ammirazione.

Recentemente ha preso posizione contro l'eutanasia nel caso di Terri Schiavo, in un articolo apparso su Il Foglio, e contro il referendum abrogativo della legge sulla procreazione medicalmente assistita, con un articolo pubblicato dal Corriere della sera.

Dopo aver espresso per tutta la vita opinioni anticlericali negli ultimi anni si è avvicinata alla Chiesa cattolica. Pubblicamente ha dichiarato la sua ammirazione verso papa Benedetto XVI, che l'ha ricevuta a Castel Gandolfo in udienza privata il 27 agosto 2005. La notizia è stata resa pubblica solamente tre giorni dopo l'incontro mentre i contenuti del colloquio non sono mai stati resi noti.

Nel maggio 2006, intervistata dal settimanale americano New Yorker, con un lungo articolo intitolato The Agitator ("L'Agitatrice"), la Fallaci è di nuovo tornata sugli argomenti che più le stanno a cuore: il mondo islamico, la politica italiana (ma anche l'aborto, i matrimoni gay e l'immigrazione messicana negli USA).

La giornalista-scrittrice ha indirizzato la sua collera contro la costruzione di una moschea a Colle Val d'Elsa dichiarando: «Non voglio vedere un minareto di 24 metri nel paesaggio di Giotto, quando io nei loro paesi non posso neppure indossare una croce o portare una Bibbia. Se sarò ancora viva andrò dai miei amici di Carrara, la città dei marmi. Lì sono tutti anarchici; con loro prendo gli esplosivi e la faccio saltare per aria». D'altra parte, la Federazione Anarchica Italiana ha così commentato le parole della Fallaci: «Non abbiamo, né vogliamo avere, nulla a che fare con questa persona. Non si permetta di usare il nostro nome per pubblicizzare i suoi deliri di distruzione bigotti e reazionari». Oltre ad attaccare i musulmani nell'intervista su New Yorker la Fallaci si oppone all'aborto, («...a meno di non essere violentata e messa incinta da un Osama Bin Laden o da un al-Zarqawi»), ai matrimoni gay («...come i musulmani vorrebbero che tutti diventassimo musulmani, loro vorrebbero che tutti diventassimo omosessuali»). La Fallaci nell'intervento ha inoltre dichiarato di non amare i messicani ricordando il "modo orribile" con cui venne trattata dalla polizia messicana del 1968, quando, ferita durante la manifestazione di protesta contro le Olimpiadi, venne spedita in obitorio ancora viva. A tal proposito ha dichiarato: «Se mi puntassero una pistola e mi dicessero di scegliere chi è peggio tra i musulmani e i messicani avrei un attimo di esitazione; poi sceglierei i musulmani perché mi hanno rotto le palle». Oriana Fallaci nell'intervista ha affermato di non aver votato per le Elezioni politiche 2006 né in Italia né per posta da New York. Dopo aver definito Romano Prodi e Silvio Berlusconi due fottuti idioti riguardo il voto ha detto: «Perché la gente si umilia votando? Io non ho votato. No! Perché ho una dignità. Se a un certo punto mi fossi turata il naso e avessi votato per uno di loro mi sarei sputata in faccia».

Le vicende giudiziarie
Nel 2002 venne citata in Svizzera dal Centro Islamico e dall'Associazione Somali di Ginevra, dalla sede di Losanna di SOS Racisme e da un cittadino privato per il contenuto ritenuto razzista di La rabbia e l'orgoglio. Nel novembre 2002 un giudice sivzzero emise un mandato d'arresto per la violazione degli articoli 261 e 261bis del codice criminale svizzero e ne richiese l'estradizione o il processo al governo italiano. L'allora ministro della giustizia Roberto Castelli respinse la richiesta affermando che la Costituzione Italiana protegge la libertà di parola. L'episodio è menzionato nel suo libro La forza della ragione.

Riconoscimenti
Il 30 novembre 2005 Oriana Fallaci ha ricevuto a New York il premio Annie Taylor per il coraggio del Center for the Study of Popular Culture ("Centro Studi di Cultura Popolare"), un'organizzazione americana conservatrice. La scrittrice è stata onorata per "l'eroismo e il valore" che hanno fatto di lei "un simbolo nella resistenza contro il fascismo islamico e una combattente nella causa dell' umana libertà." L'Annie Taylor Award (istituito in ricordo della prima persona a sopravvivere in un viaggio all'interno di una botte dalle cascate del Niagara) viene assegnato a individui che secondo gli organizzatori hanno mostrato e mostrano eccezionale coraggio in circostanze pesantemente avverse e di fronte a grave pericolo. David Horowitz, il fondatore del centro, motivando la premiazione, ha definito la Fallaci "un generale nella guerra per la libertà".

Su proposta del Ministro dell'istruzione Letizia Moratti il 14 dicembre 2005 il Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi ha insignito Oriana Fallaci con una medaglia d'oro quale "benemerita della cultura". Le sue condizioni di salute le hanno impedito di prendere parte alla cerimonia di consegna, in occasione della quale ha scritto: «La medaglia d'oro mi commuove perché gratifica la mia fatica di scrittore e di giornalista, il mio impegno a difesa della nostra cultura, il mio amore per il mio Paese e per la Libertà. Le attuali e ormai note ragioni di salute mi impediscono di viaggiare e ritirare direttamente un omaggio che per me, donna poco abituata alle medaglie e poco incline ai trofei, ha un intenso significato etico e morale».

Il 22 febbraio 2006 il presidente del consiglio regionale della Toscana Riccardo Nencini ha insignito la Fallaci della medaglia d'oro del consiglio stesso. L' iniziativa è stata contestata da molte associazioni pacifiste italiane e da quella parte di opinione pubblica contraria alle tesi della Fallaci. Durante la premiazione, avvenuta a New York, la scrittrice ha raccontato del suo tentativo di creare una vignetta su Maometto, in risposta alla montante polemica sulle vignette apparse sui giornali francesi e olandesi, che raffiguravano Maometto. A proposito ha dichiarato: «Disegnerò Maometto con le sue nove mogli, fra cui la bambina che sposò a 70 anni, le sedici concubine e una cammella col burqa. La matita, per ora, si è infranta sulla figura della cammella, ma il prossimo tentativo probabilmente andrà meglio».

Nel marzo 2005 il quotidiano Libero ha lanciato una raccolta di firme affinché il Presidente della Repubblica conferisca alla Fallaci il titolo di senatore a vita. Sono state raccolte oltre 75.000 firme.


I libri
I sette peccati di Hollywood, 1956
Il sesso inutile, 1961
Penelope alla guerra, 1962
Gli antipatici, 1963
Se il sole muore, 1965
Niente e così sia, 1969
Reportage dalla guerra del Vietnam. Un lungo diario di guerra fino alla rivolta degli studenti di Città del Messico per rispondere alla domanda di una bambina: "La vita, cos'è?". Quel giorno sulla luna, 1970 Intervista con la storia, Rizzoli 1974 (Raccolta di interviste realizzate per L'Europeo soprattutto a personaggi politici. Tra gli altri: Henry Kissinger, il generale Giap, Golda Meir, Yasser Arafat, re Husayn di Giordania, Indira Gandhi, Ali Bhutto, Pietro Nenni, Giulio Andreotti, Giorgio Amendola, l'arcivescovo Makarios e Alekos Panagulis).
Lettera a un bambino mai nato, Rizzoli 1975 È il libro più famoso della scrittrice toscana, bestseller in tutto il mondo. Fallaci immagina di parlare con il bambino che porta in grembo chiedendosi se sia giusto o meno donargli la vita
Un uomo, Rizzoli 1979 Dedicato al suo compagno Alekos Panagulis, eroe della lotta contro la dittatura di destra dei colonnelli in Grecia
Insciallah, Rizzoli 1990
La rabbia e l'orgoglio, Rizzoli 2001 che riprende con varie aggiunte un lunghissimo articolo pubblicato dal quotidiano Il Corriere della sera il 29 settembre 2001. Il tono è quello di un pamphlet contro le dittature, il terrorismo, l'estremismo, il fanatismo religioso dell'Islam, ma anche contro la mediocrità dei governanti, le ragioni di real politik per colpa delle quali la società occidentale (in primis l'Europa) non difenderebbe più, nel confronto con l'Islam, i valori che la contraddistinguono (molti i richiami al Risorgimento, alla Resistenza). Il libro ha suscitato molte critiche e polemiche per il suo taglio duro e per certe affermazioni che, inizialmente attribuite allo shock per gli attentati, in seguito sono state confermate dall'autrice e riprese nel libro successivo.
La forza della ragione, Rizzoli 2004. In questo libro, inizialmente concepito come un post scriptum del precedente libro, la Fallaci risponde ai violenti attacchi ricevuti da gruppi islamici, gruppi politici e movimenti facenti riferimento soprattutto alla sinistra a seguito della pubblicazione del volume del 2001
Oriana Fallaci intervista Oriana Fallaci, Rizzoli 2004 Volume uscito in agosto per i lettori del Corriere della sera; vendette 800.000 copie nella sola estate.
Oriana Fallaci intervista sé stessa - L'Apocalisse, Rizzoli 2005 Esce in libreria Oriana Fallaci intervista Oriana Fallaci con un nuovo titolo, varie aggiunte (la Fallaci narra il suo incontro con Bin Laden) e un nuovo capitolo (L'Apocalisse)

Gli articoli
La rabbia e l'orgoglio da Il Corriere della sera del 29 settembre 2001
Fiorentini, esprimiamo il nostro sdegno da Il Corriere della sera del 6 novembre 2002
La Fallaci processa il suo processo da Il Foglio del 28 maggio 2005
Noi cannibali e i figli di Medea da Il Corriere della sera del 3 giugno 2005
Il nemico che trattiamo da amico da Il Corriere della sera del 16 luglio 2005
The Agitator (in inglese) dal New Yorker del 29 maggio 2006


"Faccio saltare moschea in Toscana"
L'ultima provocazione della Fallaci
Fino all'ultimo aveva deciso di provocare. Così Oriana Fallaci nel maggio scorso aveva lanciato le sue ultime invettive pubbliche. La più forte ancora contro l'Islam. "Non credo che esista un Islam buono e uno cattivo". In particolare la scrittrice non voleva vedere sorgere la moschea che dovrebbe essere costruita a Colle Val d'Elsa: "E' vicino casa mia, prendo l'esplosivo e la faccio saltare".


La sua si era trasformata in una guerra di religione, di civiltà. Non si lasciava sfuggire l'occasione per usare toni forti, per spiazzare i lettori e provocare l'opinione pubblica. Grande il rispetto per il suo lavoro da parte di tutti, anche se in molti hanno attaccato le idee della scrittrice.

Nel maggio scorso la Fallaci aveva criticato duramente anche Romano Prodi e Silvio Berlusconi, liquidati come "due fottuti idioti". Ma le invettive, raccolte dal settimanale New Yorker, c'erano state anche per gli immigranti messicani che manifestano con le bandiere del proprio paese ("mi disgustano"); per il presidente venezuelano Ugo Chavez ("mamma mia"); per Federico Fellini, di cui non ricorda l'intervista ma che non le piaceva; per l'olio di oliva fatto in New Jersey.

La scrittrice aveva 77 anni
La giornalista e scrittrice Oriana Fallaci si è spenta nella clinica Santa Chiara, a Firenze dov'era ricoverata da qualche giorno. La Fallaci, una delle voci italiane più conosciute al mondo, lottava da anni contro un tumore. La giornalista diventò famosa per le interviste ai potenti del mondo e i suoi reportage di guerra. Negli ultimi anni la sua attenzione critica verso l'Islam contemporaneo ha destato interessi e reazioni contrapposte.

Oriana Fallaci era nata a Firenze il 29 giugno 1929. Da tempo soffriva di un male incurabile, ma aveva sempre tenuto lo stesso atteggiamento combattivo, fino alla fine. Negli ultimi anni la sua residenza era New York. Un amore immenso per la Grande Mela, cresciuto ancor di più dopo gli attentati dell'11 settembre. Da quel giorno la Fallaci ha speso le sue ultime energie nella battaglia ideale contro il terrorismo e l'estremismo islamico.


Massima privacy per l'addio
Oriana Fallaci era ricoverata in una casa di cura fiorentina a seguito del peggioramento del suo stato di salute. La giornalista e scrittrice e' stata assistita dalla sorella Paola e da un nipote ed e' stata seguita fino all' ultimo momento da un medico di fiducia. Pochi altri avevano accesso alla sua stanza durante il ricovero. Pochi intimi, oltre alla ristretta cerchia dei parenti, erano a conoscenza del ricovero, del progressivo peggioramento delle sue condizioni di salute e del suo rientro in Italia dagli Stati Uniti dove la Fallaci risiedeva stabilmente. Tra le disposizioni da lei impartite, anche quella di togliere il nominativo dalla cartella clinica.

Oriana Fallaci viveva a New York, nell'Upper East Side di Manhattan. Da molti anni lottava contro il cancro da lei definito "L'Alieno". Con i suoi recenti libri e articoli sulle tematiche dell'11 settembre, che hanno suscitato sia interesse che contestazioni nel mondo politico e nell'opinione pubblica, la scrittrice si era collocata ideologicamente in una posizione che lei definiva di "difesa della cultura occidentale", in netta contrapposizione al fondamentalismo islamico.

Dopo aver espresso per tutta la vita opinioni anticlericali negli ultimi anni si era avvicinata alla Chiesa cattolica. Pubblicamente aveva dichiarato la sua ammirazione verso papa Benedetto XVI, che l'ha ricevuta a Castel Gandolfo in udienza privata il 27 agosto 2005.
più ti penso, più ti vedo, più ti vivo...oh mia Siracusa...più ti amo!
Avatar utente
Alfeo
Passeggero
Passeggero
 
Messaggi: 122
Iscritto il: 26 ago 2006
Località: Siracusa

Messaggiodi Alfeo il 09 ott 2006 23:02

8O Mi... non me lo ricordavo così lungo!!!
più ti penso, più ti vedo, più ti vivo...oh mia Siracusa...più ti amo!
Avatar utente
Alfeo
Passeggero
Passeggero
 
Messaggi: 122
Iscritto il: 26 ago 2006
Località: Siracusa

Re: Oriana Fallaci:grande donna!

Messaggiodi mistar il 28 nov 2013 08:20

:D
l'intellegenza di colui che pensa, diventa la contemplazione di colui che ama
(G.di Saint Thierry)
mistar
Passeggero
Passeggero
 
Messaggi: 169
Iscritto il: 01 dic 2007


Torna a Poesia, lettura e altre forme di arte

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

cron
Partner
Rodante Bricolegno

Rodante Bricolegno
Chi e' online
Abbiamo un visitatore online

Siracusaweb Chat
Nessun utente in chat

Siracusaweb Forum
Abbiamo 146 visitatori nel forum
Bacheca saluti
Ultime dal Forum
  bacheca saluti pubblicato da c2v il 21-11-2019
  E\' finita la ricreazione? pubblicato da c2v il 01-11-2019
  Scricciolo\'s Personal Topic pubblicato da c2v il 20-06-2019
  Siracusa città: Parchi e zone di verde attrezzate pubblicato da Sabatino il 29-10-2018
  p pubblicato da c2v il 21-10-2018