Home arrow Forum

Il Ginnasio Romano : questo sconosciuto ?!

Discussioni sul patrimonio storico/culturale di questa importante provincia ricca d'arte

Moderatori: archimede, Evaluna, acid

Regole del forum
Discussioni sul patrimonio storico/culturale di questa importante provincia ricca d'arte

Si raccomanda di leggere e rispettare il regolamento ufficiale del forum

Il Ginnasio Romano : questo sconosciuto ?!

Messaggiodi Evaluna il 14 ott 2008 01:59

Vi riporto interamente, sperando di fare cosa gradita, :roll: questo articolo sul Ginnasio Romano dal sito di - Libertà Sicilia - che ho trovato molto interessante oltre che istruttivo e aggiornato. :roll:

Buona lettura... :wink:





" Ginnasio Romano: un monumento da scoprire.


    Immagine


Un monumento poco conosciuto, talvolta anche dagli stessi siracusani, è il cosiddetto “Ginnasio Romano”, il quale si trova in via Elorina ed è raggiungibile da Piazzale Marconi percorrendone, quindi, il primo tratto.
Scoperto nel 1864 da Francesco Saverio Cavallari nelle terre Bufardeci, tra la spiaggia del Porto Grande ed il sito denominato “i tre Montoni”, fu detto erroneamente “Bagno Bufardeci”, o “Bagno di Venere” o ancora “Bagno di Diana”.

Trattasi di un affascinante e sicuramente enigmatico monumento, sul quale negli anni - il primo scavo si ebbe nel 1864-65 - sono state formulate varie ipotesi dagli archeologi che si sono succeduti nello scavo del sito: ginnasio, teatro, o altro ?

Negli scorsi anni Novanta, lo studio del cosiddetto Ginnasio di Siracusa fu incoraggiato dal prof. Giovanni Rizza e quindi dalla amichevole collaborazione del prof. Giuseppe Voza e della Soprintendenza di Siracusa. Furono allora svolte tre campagne di indagine che, attraverso piccoli saggi, hanno portato alla precisazione della pianta del monumento.

Si entra in quest’ultimo dall’angolo sud, che dava accesso a un quadriportico di circa 60 x 50 m. Il portico è notevolmente sopraelevato rispetto al piano del cortile, e vi si accedeva tramite una scala. Esso è conservato in altezza solo sui lati nord ed est. All’esterno del portico nord, tra questo e un grande muro di blocchi parallelo, correva una strada.
Inquadrato dal suddetto portico è un piccolo tempio su podio di tipo italico al quale si accedeva da due scalette laterali ed entro il quale è stato ricavato un ambiente coperto a volta. Si conservano molti elementi architettonici dell’alzato, che probabilmente era di ordine corinzio.

Il Dott. Lorenzo Guzzardi, Dirigente Responsabile del Servizio Beni Archeologici della Soprintendenza di Siracusa, ha recentemente effettuato l’ultimo importante scavo archeologico nei pressi del Ginnasio ricavandone preziosi dati ed inoltre è stato fautore di progetti atti a rendere il sito maggiormente fruibile da parte della cittadinanza e dei turisti.

Attualmente la cattedra di Rilievo e Analisi Tecnica dei Monumenti Antichi, dell’Università degli Studi di Catania, di cui è Docente Ordinario il Prof. Francesco Tomasello, con l’autorizzazione dell’Arch. Mariella Muti Soprintendente ai BB.CC.AA. di Siracusa e del Dott. Lorenzo Guzzardi Dirigente del Servizio Beni Archeologici della Soprintendenza ai BB.CC.AA. di Siracusa, nonché con il finanziamento del Consorzio Universitario “Archimede” di Siracusa di cui è Presidente Salvo Baio, sta effettuando importanti attività di ricerca e scavo all’interno del sito archeologico del cosiddetto “Ginnasio Romano” ubicato in via Elorina, di fronte la sede dell’Aeronautica Militare.

Gli scavi, diretti dal Prof. F. Tomasello e dalla Dott.sa F. Trapani, sono iniziati lo scorso 15 Settembre e proseguiti sino al 3 Ottobre; ma è probabile una ripresa dei lavori alla luce dei positivi risultati sin qui raggiunti. Alle attività di scavo stratigrafico e di studio dei materiali rinvenuti partecipano sei specializzandi della Scuola di Specializzazione in Archeologia: la Dott.sa Enrica De Melio, la Dott.sa Lina Bernò, la Dott.sa Mariagrazia Finistrella, le Dott. se Cacciato e Idonea ed il Dott. Antonio Laudani, nonché tre studenti del Corso di Laurea in Scienze dei Beni Culturali di Siracusa:, Sebastiano Leggio, Maria Luisa Scrofani e Carlo Veca.

Il saggio di scavo ha interessato un’area immediatamente sottostante al muro settentrionale del portico, al fine di indagarne le modalità costruttive per una revisione della cronologia e della destinazione d’uso dell’edificio.

Interessanti informazioni stanno recependo i suddetti scavatori ed i direttori dei lavori (Dott. L. Guzzardi-Prof. F. Tomasello-Dott.sa F. Trapani), che quanto prima provvederanno alla pubblicazione dello scavo e dei suddetti saggi degli anni Novanta diretti dal Prof. Tomasello e dalla compianta Prof. Maria Trojani.
Auspichiamo che la Scuola di Specializzazione in Archeologia di Siracusa, da breve ritornata nella sua antica sede di Palazzo Chiaramonte, in Ortigia, si radichi sempre più, con le sue attività, nel nostro territorio e che diventi valente sostegno alle molteplici attività della Soprintendenza ai BB.CC.AA. di Siracusa.

Una città come Siracusa, ricca di storia, armonia, bellezza, di testimonianze di antica grandezza, merita che i suoi monumenti siano conosciuti e valorizzati, poiché sono moltissimi ancora quelli poco conosciuti o addirittura sconosciuti perfino agli stessi siracusani.

Compito di chi ama e studia la nostra città è allora quello di concentrare l’attenzione proprio su quei luoghi belli ma poco noti del nostro territorio per restituirne l’antica valenza storica e la loro comune identità".


Giorgio Nanì La Terra
    Immagine
Avatar utente
Evaluna
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 5532
Iscritto il: 19 lug 2006
Località: Siracusa

Torna a Storia, archeologia e monumenti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
Partner
Rodante Bricolegno

Rodante Bricolegno
Chi e' online
Abbiamo 3 visitatori online

Siracusaweb Chat
Nessun utente in chat

Siracusaweb Forum
Abbiamo 73 visitatori nel forum
Bacheca saluti
Ultime dal Forum
  bacheca saluti pubblicato da c2v il 21-11-2019
  E\' finita la ricreazione? pubblicato da c2v il 01-11-2019
  Scricciolo\'s Personal Topic pubblicato da c2v il 20-06-2019
  Siracusa città: Parchi e zone di verde attrezzate pubblicato da Sabatino il 29-10-2018
  p pubblicato da c2v il 21-10-2018