Home arrow Forum

Olio fritto al posto della benzina

Notizie, petizioni, cronaca, consigli e informazioni: discutiamo qui su tutto ciò riguarda flora e fauna del nostro pianeta.

Moderatori: archimede, Evaluna, acid

Regole del forum
Notizie, petizioni, cronaca, consigli e informazioni: discutiamo qui su tutto ciò riguarda flora e fauna del nostro pianeta.

Si raccomanda di leggere e rispettare il regolamento ufficiale del forum

Olio fritto al posto della benzina

Messaggiodi fiorenzo il 23 mar 2008 15:52

Olio fritto al posto della benzina

Questo il provocatorio tour di due ragazzi in giro per la Sardegna.
Dalla padella al serbatoio, è proprio il caso di dirlo, perché se è vero che il prezzo del petrolio continua a lievitare è altrettanto vero che in Sardegna c'è chi ha "percorso strade alternative" riempiendo il serbatoio dell’auto con l'olio usato per friggere. Quello che normalmente è considerato un rifiuto è diventato per due trentenni di Iglesias, Matteo Paraccio e Mattina Sanna, un liquido prezioso che gli è servito da carburante
per percorrere l'intero perimetro della Sardegna.

I due amici sono partiti dalla loro città natale a bordo di una Fiat Punto 1.7 TD del 1996 lo scorso
15 febbraio e sono tornati il 18. L'idea era quella "di fare un semplice viaggio in giro per la Sardegna -
ci ha raccontato Matteo - che potesse dimostrare come l'olio vegetale di scarto che proviene dalle cucine
dei ristoranti e delle case private può essere trasformato in Bio-diesel, cioè in un carburante economico
e a basso impatto ambientale". Utilizzando una miscela composta all'80% da olio e al 20% da gasolio, i due ragazzi hanno lasciato alle loro spalle Iglesias ed hanno iniziato il loro "eco2tour", con cui avrebbero
percorso 1.250 chilometri, passando per Arborea, Bosa, Sassari, Olbia, Nuoro, Tortolì e Cagliari.

Più o meno ad ogni tappa la scena era la stessa. La spia della riserva si illuminava, si cercava carburante
e lo si trovava nelle cucine. "Ci siamo riforniti di olio da tutti coloro che friggono, quindi pasticcerie ,
ristoranti e fast-food", ha detto Matteo. L'olio vegetale, che può essere utilizzato come carburante dopo essere stato sottoposto a tecnica di transesterificazione, è stato utilizzato dai due amici "tale e quale,
l'unica operazione 'in più' è stata quella di filtrarlo, ma semplicemente per eliminare i residui di cibo".

Alla fine del viaggio sono stati utilizzati in totale 84 litri di olio vegetale di scarto. Ad oggi la Punto ha percorso 350.000 chilometri e di questi 180.000 sono stati effettuati grazie all'olio esausto. Matteo utilizza ancora l’auto per andare a lavorare tutti i giorni a Cagliari dove è infermiere e per il futuro parla di un "progetto per trasmettere il messaggio ecologico dell'eco2tour nel cuore dell'UE: da Roma vorremmo arrivare a Brouxelles con un camper alimentato esclusivamente ad olio vegetale".

Non a caso l'ispirazione di quest'iniziativa è arrivata dall'estero. In Irlanda esiste un progetto che prevede l'alimentazione dei mezzi pubblici con olio vegetale, sostanza non inquinante perché in grado di liberare nell'atmosfera la stessa quantità di CO2 che la pianta ha assorbito per crescere. Tuttavia l'argomento
è molto più complicato di quello che sembra. I vantaggi economici di un caso "esemplare" come quello dell'eco2tour sono evidenti, ma vanno considerati anche i futuri danni al motore.

L'olio di colza può essere utilizzato nei propulsori, ma ha bisogno di uno speciale trattamento per essere davvero efficiente, in quanto va privato dell'alto tasso di glicerina. Non a caso i due protagonisti di questa storia ci hanno raccontato delle difficoltà che hanno incontrato quando l'aria si faceva più fredda, dal momento che l'olio a basse temperature è più viscoso. C'è poi da sottolineare il fatto che il codice della
strada non ammette deroghe all'omologazione degli autoveicoli e prevede pesanti sanzioni per
i trasgressori. Oltretutto la legge non consente di utilizzare carburanti sui quali non gravino accise,
se non in casi particolarissimi.

Il recente piano italiano sulla defiscalizzazione del biodiesel ha ottenuto il via libera dalla Commissione Europea soltanto ora dopo anni di lungaggini burocratiche. Insomma chi fa il pieno di olio fritto lo fa a suo rischio e pericolo. Vale la pena aggiungere che sui moderni propulsori questo tipo di carburante provoca
danni al sistema di iniezione e annulla immediatamente la garanzia del veicolo. La strada da percorrere
per il biocarburante è dunque ancora molto lunga e nel fai-da-te si nascondono molte insidie.

Tratto da Omniauto.it
Se è vero che gli occhi sono lo specchio dell'anima,
la tua è un mare azzurro nel quale navigare all'infinito

Un amico lontano
è a volte più vicino
di qualcuno a portata di mano.
Avatar utente
fiorenzo
Tenente
Tenente
 
Messaggi: 994
Iscritto il: 26 gen 2008
Località: Alessandria

Re: Olio fritto al posto della benzina

Messaggiodi fiorenzo il 03 giu 2008 17:13

Biocombustibili, rovina o salvezza?

Presentati come l'alternativa vincente al petrolio ora sembrano responsabili della crisi alimentare La verità, vi prego, sui biocombustibili. Sono una risorsa? Sono un danno? Salveranno il pianeta? Gli daranno il colpo di grazia?
Premesso che, personalmente, non riesco a formarmi un'idea sensata in proposito, pongo il problema e la domanda a chi mi sappia chiarire le idee. All'inizio da alcuni, tra cui in prima linea le associazioni agricole, i biocarburanti - ovvero "i combustibili vegetali, rinnovabili e puliti dal punto di vista ambientale, che sostituiscono i combustibili derivati dal petrolio, non influiscono sull’effetto-serra e possono essere ottenuti grazie all’energia solare per mezzo della fotosintesi delle piante", sembravano essere proposti come il toccasana per tutti i mali.
Ricordo il grande momento del biodiesel: ne aveva parlato anche il sito di Beppe Grillo, fra gli altri, e pareva che mescolando olio di colza al gasolio (prima ovviamente che quest'ultimo raggiungesse quotazioni degne dei diamanti) si realizzasse la mitica quadratura del cerchio: chilometraggio illimitato a prezzi accessibili, risparmio di risorse, meno inquinamento, ecc. Al prezzo, direi accettabile, di un lieve puzzo di patatine fritte.
Bene, il contrordine compagni è arrivato con la crisi del prezzo del grano, quando si è cominciato a parlare di carestia planetaria. E tra i tanti e autorevoli appelli ne ricordo diversi che indicavano proprio nei biocarburanti la pietra dello scandalo, ciò che avrebbe assestato il colpo del ko a un sistema che tutti, anche se con grandi divergenze su cause e rimedi, concordano nel trovare in grave pericolo.

http://www.lastampa.it
Se è vero che gli occhi sono lo specchio dell'anima,
la tua è un mare azzurro nel quale navigare all'infinito

Un amico lontano
è a volte più vicino
di qualcuno a portata di mano.
Avatar utente
fiorenzo
Tenente
Tenente
 
Messaggi: 994
Iscritto il: 26 gen 2008
Località: Alessandria


Torna a I nostri amici animali e l'ambiente che ci circonda

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti

cron
Partner
Rodante Bricolegno

Rodante Bricolegno
Chi e' online
Abbiamo un visitatore online

Siracusaweb Chat
Nessun utente in chat

Siracusaweb Forum
Abbiamo 67 visitatori nel forum
Bacheca saluti
Ultime dal Forum
  bacheca saluti pubblicato da c2v il 21-11-2019
  E\' finita la ricreazione? pubblicato da c2v il 01-11-2019
  Scricciolo\'s Personal Topic pubblicato da c2v il 20-06-2019
  Siracusa città: Parchi e zone di verde attrezzate pubblicato da Sabatino il 29-10-2018
  p pubblicato da c2v il 21-10-2018