Home arrow Forum

Rassegna d'arte contemporanea : La Visione Negata.

Inaugurazioni, mostre, presentazioni, raduni, le feste patronali e le sagre: teneteci informati sugli eventi della provincia

Moderatori: archimede, Evaluna, acid

Regole del forum
Inaugurazioni, mostre, presentazioni, raduni, le feste patronali e le sagre: teneteci informati sugli eventi della provincia

Si raccomanda di leggere e rispettare il regolamento ufficiale del forum

Rassegna d'arte contemporanea : La Visione Negata.

Messaggiodi Evaluna il 05 dic 2008 19:06

    Immagine

    Rassegna d'arte contemporanea.

    LA VISIONE NEGATA.

    Martyrium - Violenza Sacro Redenzione

    a cura di Nino Portoghese

    Dal 7 al 14 Dicembre 2008 presso Galleria Civica Montevergini.

    Via S. Lucia alla Badia.



Dal Sito del Comune di Siracusa. :wink:
    Immagine
Avatar utente
Evaluna
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 5532
Iscritto il: 19 lug 2006
Località: Siracusa


Re: Rassegna d'arte contemporanea : La Visione Negata.

Messaggiodi acid il 06 dic 2008 16:21

Un'interessante prefazione all'evento (fatto anche l'anno scorso, dello stesso autore), magari può rendere l'idea di questa mostra:

Il momento che la tradizione attribuisce al martirio di Lucia, martire siracusana, quello della sottrazione degli occhi, è molto emblematico. È il tentativo di impedire a Lucia di vedere!
Lei, però, non ha più bisogno degli occhi materiali per “vedere”, la Fede ha aperto gli occhi della sua anima con cui può vedere molto “più lonta
no”: l’assoluto, l’eternità, l’immortalità.
Il consumismo, che nega o mette in dubbio tutti i valori oggettivi, spirituali, valorizza solo la visione materiale, privata di senso perché nega il fondamento spirituale della visione.
In contrapposizione all’io debole contemporaneo, che si risolve nel suo apparire e si nega ogni riflessione sull’essere, l’artista nelle sue opere continua a proporre le sue voci di dentro, le sue visioni interiori attraverso cui traduce l’assoluto nel finito, l’eternità nel tempo, l’immortalità nel mortale. Dal Caravaggio in poi tutta la storia dell’arte si caratterizza nel contrasto buio-luce; luce che nasce dal buio e crea
le forme rivelandole, sottraendole all’indistinto.
Non tutto, però viene illuminato, il buio trattiene una parte, non permette che tutta la visione sia rivelata. Le ultime scoperte scientifiche, circa l’origine e l’evoluzione dell’universo, ci parlano di questo misterioso rapporto buio-luce. Agli albori della storia del cosmo c’è un’età oscura, che nasconde la chiave per comprendere l’intera evoluzione. Sulla terra, la luce ha favorito gli uomini nella comprensione della natura, influenzandone gli spostamenti in mare o sulla terra ferma. Suscitando terrore sottoforma di fulmini o ispirando un senso di stupefatta ammirazione dinnanzi alla bellezza dell’arcobaleno, la luce, nelle sue infinite manifestazioni, da sempre circonda l’esistenza dell’uomo e ne domina la quotidianità. Il rapporto luce-visione ha altre implicazioni.
La sinergia tra la funzione percettiva dell’occhio umano e quella di rielaborazione del cervello ha raggiunto un livello di sofisticazione ineguagliata all’interno del sistema solare o della tecnologia informatica. L’occhio, con i suoi fotorecettori, costituisce il nostro strumento principale per affrontare la realtà che ci circonda. Vedere per credere. “Nihil
erit in intellectu, nisi prius fuerit in sensu”.
L’uomo è stato abbastanza intelligente da non fermarsi al visibile ed è riuscito a decifrare anche la porzione invisibile dello spettro elettromagnetico, dalle onde radio ai raggi gamma. Egli ha studiato la luce come fenomeno fisico e l’ha manipolata nell’arte e nel cinema per suscitare determinate reazioni nei propri simili, ma brancola ancora nel buio quando si tratta di spiegare come il cervello riesca a rielaborare i segnali luminosi percepiti dall’occhio. Queste implicanze mentali o psicologiche nella visione ci riportano ad una realtà di cui oggi poco si parla: l’interiorità. Luci ed ombre convivono e si alternano dentro di noi in quell’unità che chiamiamo psiche. Pur vivendo frastornati da suoni e rumori in casa o nelle vie della città, presi dalla frenesia di un ritmo di vita che non concede sosta e riflessione, per un paradosso, potremmo dire che noi viviamo dormendo. Dormiamo con la nostra coscienza con cui abbiamo poca dimestichezza o che tacitiamo facilmente, dormiamo con la nostra mente che usiamo solo per fare i conti, per cercare di superare o “fregare” gli altri. Che strumento stupendo, invece, è la nostra mente! Al contrario degli scienziati che oggi fanno i loro esperimenti in un laboratorio, bisognerebbe fermarsi a guardare la propria mente, studiare la propria mente, sentire i moti della propria coscienza ed osservarne le mutazioni. Fare, in una parola, del corpo e della mente il proprio laboratorio.
Quel periodo storico chiamato Medio Evo, è stato uno dei momenti più interessanti della nostra civiltà. L’uomo aveva un rapporto con il divino molto forte. La scienza, poi, ha preso il sopravvento. La scienza è bravissima, la scienza insieme alla tecnologia contribuisce a rendere la nostra vita più comoda. Ma che altro ci dà? Niente! Ci toglie il cielo, perché con la sua pretesa di essere tutto blocca ogni altra nostra aspirazione. Non si tratta di essere antimodernisti o antiscientifici, ma occorre di nuovo trovare un equilibrio, cercare la via di mezzo. C’è qualcosa in noi, la vasta gamma dei sentimenti, l’intuizione, che la scienza non prende in considerazione e a cui la società si è abituata a dare poco valore. Nessuno più lascia parlare “la voce del cuore”, anzi, farlo è considerato da semplici. L’uomo si illude di conoscere e certamente fa strada sulla via della conoscenza; si rende però conto, ogni volta, del suo limite e che ciò che non si conosce è immensamente più vasto di quello che lui conosce e riuscirà mai a conoscere. Sarebbe bello, allora, accettare che c’è questo mistero ed abbracciarlo. Questo ci restituirebbe la visione che la modernità ci ha negato: una visione vera ed integrale di noi stessi, della natura che ci circonda e del nostro rapporto con la natura e gli esseri viventi.
Guardare il mondo in un altro modo; guardarlo in modo personale, più sensibile. Esso è lì meraviglioso ed, invece, lo guardiamo tutti allo stesso modo e sempre di più attraverso strumenti tecnologici. Non guardiamo più il mondo com’è e non lo guardiamo con i nostri occhi: la visione negata. Per “riacquistare la vista” bisogna seguire l’esempio dell’artista che per creare ha bisogno del silenzio, mettersi in ascolto della propria interiorità e lasciare emergere l’ispirazione, la via che riporta al centro di se stessi.
È in quei momenti che si ha l’esatta percezione dell’unità della propria persona e dell’accordo sinfonico con tutta la creazione. Quando si è veri, si percepiscono le voci del silenzio con cui parlano tutti gli esseri viventi, i luoghi impregnati di storia. Si ristabilisce così la sintonia tra l’anima individuale e l’Anima mundi.
Non si tratta di coltivare un’idilliaca utopia ma di ridare al futuro dell’evoluzione un’impronta umana.

http://www.larcoelafonte.it/images/even ... negata.pdf

Ciao Flavia, come va?
Avatar utente
acid
Supervisore
Supervisore
 
Messaggi: 7275
Iscritto il: 14 apr 2006
Località: SIRACUSA

Re: Rassegna d'arte contemporanea : La Visione Negata.

Messaggiodi Flavia Vizzari il 06 dic 2008 16:33

bhè quanto su elencato è forse più lo scopo che in concretezza lo svolgersi della mostra....in breve.... c'è un bando? E' possibile ancora prendervi parte?

Stò benone, grazie, finito un impegno adesso mi sto dedicando al mio carissimo amico, vostro concittadino.....che presenterà il suo ultimo libro a Messina :-) [.primo.]
Avatar utente
Flavia Vizzari
Clandestino
Clandestino
 
Messaggi: 70
Iscritto il: 06 apr 2008
Località: Messina

Re: Rassegna d'arte contemporanea : La Visione Negata.

Messaggiodi Evaluna il 06 dic 2008 16:55

Ciao Flavia, bentornata. :wink:

Credo che la mostra sia già completa ma per maggiori informazioni, puoi contattare direttamente l'associazione culturale L'Arco e la Fonte in via Capodieci, 43 Siracusa. Tel. 340.4667701 -
e-mail
: larcoelafonte@hotmail.com
sito :
http://www.l'arcoelafonte.it
    Immagine
Avatar utente
Evaluna
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 5532
Iscritto il: 19 lug 2006
Località: Siracusa


Torna a Eventi, spettacoli, feste patronali, sagre

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron
Partner
Rodante Bricolegno

Rodante Bricolegno
Chi e' online
Abbiamo un visitatore online

Siracusaweb Chat
Nessun utente in chat

Siracusaweb Forum
Abbiamo 56 visitatori nel forum
Bacheca saluti
Ultime dal Forum
  bacheca saluti pubblicato da c2v il 21-11-2019
  E\' finita la ricreazione? pubblicato da c2v il 01-11-2019
  Scricciolo\'s Personal Topic pubblicato da c2v il 20-06-2019
  Siracusa città: Parchi e zone di verde attrezzate pubblicato da Sabatino il 29-10-2018
  p pubblicato da c2v il 21-10-2018